Fandango

Parole, opere e omissioni -> Racconti

Limiti di regioni sregolate, trame sbranate con artigli di carta, binari senza padrone. Calcoli con lettere capovolte dall'attacco di un aereoplano di carta. Foglie di un autunno di ritardo, minacce di un avvento senza leccornie.
Acido fiorente di un languoroso amore, labbra questuanti, leggermente divaricate, in attesa. La frenesia di un attimo già dietro le spalle appena annusato, ricordi vissuti mescolati ad immaginati. Un esistenza invisibile che ti scivola accanto, un amico non conosciuto. Baci di cartapesta ad irritare la pelle