1.5 La Nascita della Società

Parole, opere e omissioni -> Aschir

Le testimonianze che si sono tramandate fino alla fondazione della Scuola Storica di Aschir provengono dalle fonti più disparate, come ad esempio contratti di vendita, descrizioni di rituali e simili, attraverso i quali si è potuti risalire ad una prima genesi della socialità, tramandata, anche se in forma romanzata da alcuni culti poi scomparsi nel tempo. Attraverso il confronto critico di questi documenti si è potuti giungere ad alcuni punti fermi. Dopo gli sconvolgimenti provocati dalla Guerra dei Marchi Aschir perse ogni forma di vita identificabile come umana. La lunga strada verso la rinascita riprese il suo cammino e in un nuovo ambiente climatico ricominciò la lunga selezione e genesi di nuove razze. Si parla di “razze” in senso lato, intendendo con questo termine ogni specie vivente organizzata in comunità non esclusivamente familiari e che sviluppa rapporti interni ed esterni con conservazione della memoria di gruppo e sviluppo di una propria tradizione.
Una popolazione appena definibile umana si sviluppò nel nord del continente, i cosiddetti Atraval , di corporatura robusta e di natura guerriera, che svilupparono le loro società basandosi su piccoli gruppi tribali legati da una tradizione comune che univa tutte le fazioni di questa razza.
Nelle isole ancora più a nord trovarono terreno di sviluppo le piccole comunità Grost, composte di creature cacciatrici quasi per nulla umanoidi.
Nella parte sud del paese, nei pressi della foresta di Leosian e al suo interno crebbe una stirpe chiamata Elish, fondata sul rapporto bidirezionale di sostentamento e assistenza con la natura che li ospitava.
Ai piedi dei Monti del Destino trovarono un territorio a loro congeniale le comunità Durgang, basate su forti legami di sangue che univano tutta la stirpe.
Altre due razze, quelle che più si avvicinano al modello umanoide sono distinguibili sul territorio sin dalla nascita dei gruppi sociali: i Mailyn, agricoltori che abitavano le pianure centrali e i Thavon, navigatori e pescatori, assiepati nella parte sud del continente.